window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'G-VLM0DV8D8K');
News2020-11-11T10:28:41+01:00

Aggiornamenti e comunicati

Analisi mese Febbraio 2022

5 Marzo 2022|

Alla fine del mese, i mercati finanziari sono stati fortemente colpiti dallo scoppio della guerra in Ucraina. Se il mese di gennaio è stato negativo a causa delle politiche monetarie più restrittive, il mese di febbraio ha subito l’impatto dell’invasione russa dell’Ucraina e tutti gli indici hanno chiuso negativamente. I mercati finanziari, spaventati da questo evento, hanno iniziato a fare i conti con le sanzioni inflitte all’invasore. Il rincaro delle materie prime e i nuovi colli di bottiglia per l’approvvigionamento sono una seria minaccia alla ripresa economica mondiale, tutto questo proprio quando si stava uscendo da due anni di COVID [...]

Analisi mese gennaio 2022

10 Febbraio 2022|

Nel primo mese dell’anno abbiamo assistito ad un ondata di vendite su tutte le piazze borsistiche globali, con cali sostanziali sia per il mercato azionario che quello obbligazionario. Le prospettive di politiche monetarie più restrittive, le incertezze geopolitiche e le valutazioni elevate hanno spinto gli investitori a effettuare prese di profitto su una parte degl’utili registrati nell’ultimo anno. Questa volatilità ha portato il verificarsi di perdite che hanno superato i livelli osservati durante le fasi più difficili della recente storia dei mercati finanziari. Andiamo ad analizzare i motivi di tale nervosismo. Preoccupazione relativa al rialzo dei tassi d’interesse: solo [...]

Autorizzazione FINMA

12 Gennaio 2022|

Stelinvest SA è orgogliosa di comunicare l’ottenimento dell’autorizzazione per la prestazione di servizi quale gestore patrimoniale da parte dell’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA). È un riconoscimento che valorizza il nostro operato e che ci pone fra le prime società svizzere di consulenza finanziaria ad aver ottenuto questa importante certificazione.

Analisi mese dicembre 2021

12 Gennaio 2022|

Il mese di dicembre ha visto un generale rialzo dei mercati azionari, nonostante le notizie ancora negative sul fronte sanitario e i segnali dell’approssimarsi della fine delle politiche monetarie accomodanti. La ripresa post-coronavirus continua, nonostante il calo della dinamica. Pertanto, nella riunione di dicembre, la Banca centrale statunitense (FED) ha deciso, come previsto, di ridurre più velocemente gli acquisti di obbligazioni, non più di USD 15 ma di USD 30 miliardi al mese. Inoltre, per il prossimo anno, i si prospettano fino a tre aumenti dei tassi. Per il 2023 si punta ora a un livello dei tassi dell'1.6%. I [...]

Analisi mese novembre 2021

12 Dicembre 2021|

Sul finire del mese di novembre i mercati finanziari hanno subito una improvvisa inversione di tendenza, complice la tornata alla ribalta della pandemia con la scoperta e il propagarsi della nuova variante Omicron. Non solo la minaccia dell’inflazione e le sue conseguenze sull’inasprimento delle politiche monetarie nel mondo ma anche il ritorno dello spettro di nuove chiusure e blocchi per via del riemergere dei contagi hanno raffreddato le aspettative degli operatori finanziari. Al contempo, il tema dell’inflazione acquisisce sempre più rilevanza a livello globale, non solo in ambito obbligazionario. Dalle attese sull’inflazione, sia quelle scontate dalle obbligazioni indicizzate all’inflazione che [...]

Analisi mese ottobre

25 Novembre 2021|

Nel mese di ottobre i mercati azionari hanno recuperato le perdite di settembre e ripreso con il trend rialzista, senza curarsi della spinta inflazionistica. Negli Stati Uniti, i tassi di interesse nominali hanno quasi eguagliato i livelli massimi segnati lo scorso marzo, mentre in Europa ha accelerato più del previsto e si attesta al livello più alto dal 2008.L’inflazione americana fatica ancora a stabilizzarsi, essendo salita dal 5,3% di agosto al 5,4% di settembre, il livello più alto degli ultimi tredici anni. E’ il quinto mese consecutivo in cui supera il 5% e i rincari dell’energia potrebbero mantenerla su livelli [...]

Torna in cima